Blog navigation

Ultimi post

Grado IP: come interpretare i codici

507 Visualizzazioni

Uno dei requisiti fondamentali per la ricerca e l'acquisto di materiale elettrico (nella fattispecie alimentatori o sistemi di illuminazione) è la capacità di resistenza all'intrusione di materiali esterni nei dispositivi, che si tratti di acqua o polvere e detriti.

La singola applicazione può variare in base al posizionamento del dispositivo all'interno del sistema e risulta quindi essenziale essere in grado di capire da quali fonti di disturbo e deterioramento il nostro prodotto debba essere protetto.

Qui entra in gioco la certificazione di Protezione Internazionale, comunemente abbreviata come grado di protezione IP.

Tale definizione è stata introdotta dalla Commissione Elettrotecnica Internazionale attraverso la normativa IEC 60529 (ex CEI 70-1), che, attraverso una codifica formata da lettere e numeri, certifica i diversi gradi di protezione di cui il dispositivo è fornito.

Il grado di protezione viene così definito dalla sigla iniziale IP, seguito poi da due cifre (la prima compresa fra 0 e 6, mentre la seconda fra 0 e 8), a volte sostituita dalla lettera 'x', oltre a due eventuali lettere aggiuntive (A, B, C o D nella prima, H, M, S, W nella seconda) che possono specificare ulteriormente il tipo di protezione del dispositivo.

Come distinguere un grado di protezione IP65 da un IP44?

La prima cifra può essere composta da A, B, C o D e indica la capacità di resistenza a corpi estranei solidi. Dunque:

  • 0 o X: nessuna
  • 1: protezioni da solidi con diametro maggiore di 50 mm
  • 2: protezioni da solidi con diametro maggiore di 12 mm
  • 3: protezioni da solidi con diametro maggiore di 2,5 mm
  • 4: protezione da solidi con diametro maggiore di 1 mm
  • 5: protezione contro polveri non nocive
  • 6: totale isolamento da polveri

La seconda cifra indica invece il grado di protezione da corpi liquidi (più specificatamente acqua)

  • 0 o X: nessuna
  • 1: protezioni da caduta verticale dell'acqua
  • 2: protezioni caduta di liquidi a 15° di inclinazione dalla verticale
  • 3: protezioni caduta di liquidi a 60° di inclinazione dalla verticale
  • 4: protezione da spruzzi provenienti da diverse direzioni
  • 5: protezione contro getti d'acqua di maggiore potenza
  • 6: protezione contro getti d'acqua potenti e abbondanti
  • 7: protezione da immersione temporanea
  • 8: protezione da immersione continua

La prima lettera indica il grado di protezione verso componenti pericolose. In particolare:

  • A: protezione contro l'accesso con la mano
  • B: protezione contro l'accesso con un dito
  • C: protezione contro l'accesso con attrezzi
  • D: protezione contro l'accesso con un filo

Mentre la seconda lettera indica caratteristiche aggiuntive sull'utilizzo del dispositivo. Nello specifico:

  • H: Idoneo per l'alta tensione
  • M: Idoneo all'utilizzo dei componenti mobili nonostante danni dovuti al passaggio dell'acqua
  • S: Idoneo all'utilizzo di componenti NON mobili nonostante danni dovuti al passaggio dell'acqua
  • W: Idoneo all'utilizzo in condizioni atmosferiche particolari

Filtra le nostre in base al grado IP

Pubblicato nel: Guide